Sicurezza Eni: i ritardi e gli atti omissivi restano. Si individuino i soggetti responsabili.

Pubblicato: 8 novembre 2011 in Comunicati stampa, Rassegna stampa
Tag:, , , , ,

Si comunica che nella mattinata di oggi, 8 novembre 2011, Daniela Spera del comitato Legamjonici, i legali Davide VendraminLuca PiccioneLudovica Coda e cittadini, hanno depositato agli atti della Procura della Repubblica di Taranto, un esposto che ha come oggetto il rispetto delle disposizioni contenute nel D.Lvo 334/1999 e s.m.i. in materia di incidenti rilevanti.


Nell’esposto, riguardante la sicurezza della raffineria Eni di Taranto, viene chiesto alla Procura della Repubblica di Taranto di verificare il rispetto delle norme poste a tutela della popolazione e di individuare soggetti eventualmente responsabili di ritardi e/o omissioni nell’applicazione e rispetto dell’articolo 27, comma 4 del D.Lvo 334/1999 e s.m.i., che recepisce la direttiva europea 96/82/CE, Seveso II, sugli incidenti rilevanti.

Si rammenta che la mancata conclusione dell’istruttoria per la validazione del Rapporto di Sicurezza ha reso e rende provvisoria la stesura del Piano di Emergenza Esterno che contiene informazioni che messe in relazione con le caratteristiche di vulnerabilità del territorio circostante, consentono di ottenere una mappatura dei rischi da utilizzare per la pianificazione del territorio, l’informazione alla popolazione e la gestione delle emergenze.



Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...