EMERGENZA RIFIUTI CAMPANIA: RITORNO ALLA LEGALITA’ – SI’ AL POTERE DECISIONALE DELLE REGIONI

Pubblicato: 22 marzo 2012 in Comunicati stampa, Le collaborazioni, Le nostre attività
Tag:, , , , , ,

Greenaction Transnational e Legamjonici  esprimono soddisfazione per l’approvazione da parte del Senato del Decreto Legge Ambiente che reintroduce l’obbligatorio parere delle Regioni sul conferimento dei rifiuti della Campania. Si tratta di un ritorno alla “legalità” che gli ambientalisti hanno sollecitato dopo oltre un anno di gestione dell’ emergenza che sottraeva alle regioni qualsiasi possibilità di controllo e opposizione.

La protesta, iniziata a Taranto nel gennaio del 2011 con il blocco dei TIR che trasportavano i rifiuti campani nelle discariche provinciali, è proseguita a Trieste con il primo presidio del 25 febbraio 2012 davanti all’inceneritore cittadino.

Greenaction Transnational e Legamjonici, appoggiati dalla rete ambientalista internazionale Alpe Adria Green, hanno denunciato un “sistema” di smaltimento dei rifiuti non risolutivo dell’emergenza campana. L’esportazione dei rifiuti in altre regioni rimanda la soluzione del problema e ‘sposta’ l’inquinamento che, nel caso di Trieste, viene esteso, oltre i confini nazionali, alla Slovenia e alla Croazia, investite dalle emissioni dell’inceneritore del capoluogo giuliano.

Tutto questo costituisce inoltre severa vìolazione della stessa legislazione comunitaria che pone al centro di una corretta gestione dei rifiuti la protezione della salute umana e la tutela dell’ambiente mediante riduzione della produzione dei rifiuti, riciclaggio e riuso. E naturalmente massima trasparenza nella gestione dei piani di smaltimento dei rifiuti da parte delle autorità competenti. Trasparenza completamente mancata da parte delle autorità italiane nella gestione della perenne “emergenza” dei rifiuti campani.

Sabato 24 marzo dalle ore 10 alle 12 gli ambientalisti di Alpe Adria Green, Greenaction Transnational, e di Legamjonici, organizzano una nuova manifestazione davanti al Comune di Trieste ed alla Regione Friuli Venezia Giulia per chiedere che, alla luce del nuovo testo di legge, le amministrazioni pubbliche locali blocchino ulteriori afflussi di rifiuti campani, e che vengano date risposte su quelli fino ad ora smaltiti al di fuori di ogni controllo.

Aderiscono alla manifestazione il Movimento 5 Stelle di Trieste, con i Consiglieri Comunali Paolo Menis e Stefano Patuanelli, il Movimento 5 Stelle di Taranto, il Movimento Trieste Libera.

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...