TARANTO LIBERA DALL’INQUINAMENTO : ORA O MAI PIU’!

Pubblicato: 14 agosto 2012 in Le collaborazioni, Le nostre attività
Tag:, , ,

Il 13 Agosto in Piazza della Vittoria si è svolta un’assemblea pubblica
organizzata dal Comitato dei cittadini e lavoratori liberi e pensanti a seguito
delle ultime vicende riguardanti l’Ilva di Taranto e sulla connotazione
nazionale che il problema ha assunto. I portavoce dei comitati, coadiuvati da
altri membri di associazioni e liberi cittadini, hanno discusso sulle
iniziative da prendere in vista dell’arrivo dei Ministri del Governo in città,
previsto per il 17 Agosto. La situazione di emergenza sanitaria emersa dalle
indagini del pool della magistratura tarantina, si è trasformata in un problema
socio economico italiano , per cui la città di Taranto , a detta di alcuni
membri delle Istituzioni , è un nodo da sciogliere per proseguire la politica
industriale, dimenticando che “ART 41 della Carta fondamentale,
l’iniziativa economica privata non può svolgersi in modo da recare danno alla
sicurezza…”

I cittadini non ci stanno e sono stanchi di sopportare questa logica
“patriottica” di prosecuzione delle attività inquinanti , sostengono la
Magistratura che ha accolto le tante denunce protratte nel tempo, e auspicano
un cambiamento da parte della classe politica che deve necessariamente trovare
le alternative economiche per garantire agli operai un lavoro pulito.


Di seguito riportiamo il testo del volantino divulgato dal Comitato:

Venerdì 17 agosto, dopo 50 anni di devastazione sociale ambientale e
territoriale, per la prima volta tre ministri della Repubblica italiana saranno
a Taranto non per tutelare i diritti dei cittadini e dei lavoratori ma per
salvaguardare gli interessi dell’Ilva, continuando a fare pressioni
antidemocratiche nei confronti della Magistratura per preservare il PIL
italiano.
Se Riva è in grado di ottemperare alle oltre 400 legittime prescrizioni,
imposte dalla Todisco, per la messa a norma dello stabilimento, lo faccia
subito e senza indugi. Ciò non avverrà poiché significherebbe non poter
mantenere gli stessi profitti da record degli scorsi anni.
Il pool di esperti
scelti dal Gip ha evidenziato che l’incidenza tumorale ed epidemiologica a
Taranto è la più alta d’Italia, a farne maggiormente le spese sono i lavoratori
della fabbrica e gli abitanti che vivono più vicini alla stessa.
Non
consentiremo più a nessuno di poter giocare con la vita di una città intera,
tantomeno ai politicanti ed ai sindacati che in questi anni hanno fatto solo i
propri interessi. Chi ha usurpato e derubato deve far fronte alla spesa
necessaria a risarcire il territorio, i suoi abitanti ed i lavoratori
coinvolti. Un futuro diverso è possibile solo attraverso l’unità tra cittadini
e lavoratori che devono essere protagonisti di questo cambiamento. Le decisioni
che riguardano il nostro avvenire dovranno esser prese esclusivamente nella
nostra città con la partecipazione attiva dei cittadini. Questo non si discute.

Invitiamo pertanto i lavoratori, le loro famiglie e la cittadinanza intera a
partecipare alla grande manifestazione del 17-8-2012 che partirà da piazza
Castello alle ore 8,30 dietro l’Apecar simbolo del risveglio di Taranto.
SI’ AI
DIRITTI NO AI RICATTI. AMBIENTE, SALUTE, REDDITO E OCCUPAZIONE.


Comitato spontaneo ed apartitico “Cittadini e Lavoratori Liberi e Pensanti”

(Foto tratte dal gruppo Facebook “La Critica Politica A Taranto”)

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...