ILVA. La revoca incastra il governo

Pubblicato: 17 luglio 2013 in Le nostre attività
Tag:, , , , , ,

DSC00765Accade quando uno Stato è contro i cittadini.

Accade quando i cittadini chiedono l’applicazione della legge.

Accade che per non applicare la legge, questa viene cambiata.

Accade in Italia col DECRETO LEGGE 4 GIUGNO 2013, N. 61, detto Salva-Ilva bis.

In data 20 maggio 2013, il Comitato Legamjonici fu convocato, insieme ad altre associazioni, presso il Ministero dell’Ambiente a Roma. L’obiettivo dell’incontro era l’acquisizione da parte del neo Ministro dell’Ambiente Andrea Orlando di informazioni atte a comprendere il quadro della situazione per risolvere l’emergenza sanitaria in atto a Taranto.

In quella occasione la dott.ssa Daniela Spera, responsabile del Comitato, tenne a sottolineare che sussistevano le condizioni per la revoca dell’AIA in applicazione dell’ art.29-decies, punto 9, del testo unico ambientale (nella parte che riguarda la normativa AIA) a causa delle reiterate violazioni delle prescrizioni AIA da parte dell’azienda. Fu spiegato al Ministro, infatti, che la decisione di revocare l’autorizzazione non era consequenziale a provvedimenti precedenti (diffida, diffida e sospensione) ma era una scelta dettata dalla gravità delle infrazioni in atto. Infrazioni che mettevano ancora in pericolo la salute dei cittadini. Si chiedeva inoltre al Ministro come mai le autorità competenti ancora non avessero applicato quell’articolo di legge. Il Ministro, trovando interessante quella obiezioni, dichiaro’ che si sarebbe occupato di quell’aspetto dopo aver contattato gli Enti di controllo che lo avrebbero istruito sulla gravità delle infrazioni.

Il risultato è stato il seguente. Il Governo, incastrato da quell’articolo di legge ha proposto il commissariamento come deroga all’articolo di legge che prevede la revoca per reiterate violazioni. Ha emanato quindi il decreto legge del 4 giugno 2013, No.61, detto Salva-Ilva bis, che tra le altre cose, stabilisce (al comma 1-ter dell’articolo 1) che nel caso di reiterate violazioni e inadempienze alle prescrizioni autorizzatorie, si procede al commissariamento dell’azienda bypassando, in sostanza, la revoca dell’AIA che avrebbe portato alla chiusura degli impianti. Ecco come il Governo Italiano tutela la nostra salute.

Ecco i link dell’incontro con il Ministro Orlando:

1. https://legamionicicontroinquinamento.wordpress.com/2013/05/21/legamjonici-al-ministro-orlando/

2. https://legamionicicontroinquinamento.wordpress.com/2013/05/22/legamjonici-al-ministro-orlando-rassegna-stampa/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...