MORIRE A NORMA DI LEGGE. ECCO LA VERITA’.

Pubblicato: 13 gennaio 2014 in Presentazione

1La ricerca della verità è un attento lavoro di studio e non è così evidente. Scopriamo infatti che a seconda delle circostanze, enti di ‘tutela’ ambientale e/o sanitaria, spesso dicono mezze verità. A volte determinate informazioni sono fallaci e fuorvianti. E’ il caso della misurazione della ‘qualità dell’aria’ e la sua correlazione con la ‘qualità della vita’.  A lungo il comitato Legamjonici ha sostenuto l’inadeguatezza dei valori limite di legge come indicatore del grado di protezione della salute umana. Verità scomode, che nonostante siano oggi ampiamente riconosciute dal mondo scientifico, continuano ad essere nascoste. Del resto non è facile comprenderne la differenza ed è proprio sulla disinformazione generale che si basano atteggiamenti politici che mirano a ‘rassicurare’ la popolazione che nel frattempo ignara si ammala e muore sia in violazione sia nel rispetto dei limiti di legge.

A svelarci queste verità è proprio un documento riguardante il ricorso di ARPA Puglia contro il Ministero della Salute e contro il Ministero dell’Ambiente. Tale ricorso riguarda l’annullamento del D.m. che stabilisce i criteri per la redazione della Valutazione del Danno Sanitario. Tralasciando le rispettive posizioni citate nel documento, i passaggi chiave li ritroviamo alle pagg. 17 e 18.

PAG 17: l’estratto si riferisce ai PM10 e PM2,5.

ESTRATTO RICORSO ARPA PUGLIA PAG 17

PAG 18.

ESTRATTO RICORSO ARPA PUGLIA PAG 18

Nella recente comunicazione, inviata dall’Assessore Baio all’ordine dei Farmacisti di Taranto, relativa ai valori degli inquinanti del mese di novembre 2013 si legge quanto segue:

CONCLUSIONI DATI NOVEMBRE 2013

Alla luce di quanto riportato nei documenti sopra citati, ci chiediamo: quale utilità può avere comunicare alla cittadinanza i valori ‘registrati’ o ‘rilevati’ dalle centraline? Perchè non viene spiegato alla popolazione il loro significato? Perchè non viene detto ai cittadini che in realtà i valori che misurano la ‘qualità dell’aria’ non possono rassicurare sull’assenza di rischio per la salute?. Interrogativi che resteranno senza risposte.

Annunci
commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...